Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Per info....Leggi Qui

Archivio Articoli

Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /home/arile241/arilecce.it/html/templates/shape5_vertex/vertex/responsive/responsive_mobile_menu.php on line 158

Accesso Utenti

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Sono tornate le macchie... solari!

Macchie Solari

È risaputo che il nostro sole influenza la vita di tutti esseri viventi sul nostro pianeta: senza la sua luce ed il suo calore la vita, così come la conosciamo, non esisterebbe. E se questa regola è fondamentale per tutti gli esseri, assume una valenza straordinaria per l'essere radioamatore!

Il sole, infatti, oltre alla luce ed al calore che sono tangibili nella vita di tutti i giorni, irradia la terra con tale e tanta energia da ionizzare gli strati più alti della nostra atmosfera: una volta ionizzati questi diventano uno specchio che riflette sulla terra le radiazioni elettromagnetiche dello spettro delle onde corte. Se il sole non ci fosse, quindi, le nostre comunicazioni in HF finirebbero disperse nello spazio.

Molto del merito di queste radiazioni, spetta alla presenza di alcune macchie visibili sulla faccia del sole e studiate da molti anni: da loro si irradia una tale energia in grado, anche, di generare le meravigliose aurore boreali, visibili, però, ad elevate latitudini. La presenza di autore boreali è indice di attività solare e, minore è la latitudine in cui sono visibili, maggiore è il lavoro del sole ed il numero delle sue macchie.

Nel 1859, quando ancora lo studio del sole non era coadiuvato da computer, satelliti e sonde spaziali, i giornali del tempo riportarono questi fenomeni visibili addirittura a Roma!

Oggi, invece, siamo ai minimi storici del ciclo solare che, ricordiamo, è di undici anni. Minimi storici significa scarse o nessuna macchia solare, poca propagazione e, spesso, poco rumore nelle bande HF. Al poco rumore si associano anche segnali bassi e rara possibilità di collegamenti a lunga distanza (DX).

I mesi passati, ad esempio, il numero delle macchie solari rilevate dai siti che trattano dell'argomento è stato costante a zero! Bisogna risalire all'estate 2019 per avere un guizzo che si è portato a oltre 20 a maggio per poi discendere inesorabilmente a zero. Ma, in questi ultimi giorni, finalmente, qualcosa è cambiato!

Le macchie sono tornate a crescere: fermo restando un indice di flusso solare (SFI, solar flux index) inchiodato intorno a 70, le macchie sono balzate a 12 il 2 aprile, per salire a 13 nei giorni immediatamente seguenti. A questo lieto evento facevano da cornice i parametri A e K (che sono degli indici che, se molto alti, indicano la presenza di rumore sulle bande HF) molto bassi e un parametro geomagnetico Bz spesso prossimo allo zero o negativo.

Il parametro Bz indica l'attività geomagnetica del nostro pianeta: se alto, è in grado di influenzare negativamente i segnali radio. Un alto Bz, infatti, imprime al segnale un accentuata evanescenza (il nostro famoso QSB), creando, a volte, una tale turbolenza da rendere il segnale addirittura incomprensibile. Al contrario, un valore negativo di Bz, oltre ad influenzare positivamente i parametri A e K (dove uno è la media ponderata dell'altro), riduce il QSB rendendo stabile un segnale.

Pertanto, alcune macchie solari, che favoriscono la riflessione ionosferica, parametri di rumore bassi e poco QSB favoriscono i QSO a lunga distanza anche se con segnali non particolarmente alti ed anche con impianti d'antenna non particolarmente efficienti (nel senso che basta un dipolo, poco più di cento watt in telegrafia per collegare la Nuova Zelanda...)

Non sappiamo quanto durerà questa benevolenza del nostro Sole: essendo, nel 2020 al minimo assoluto, ci sarebbe da aspettarsi una ripresa dell'attività solare ed un aumento della propagazione legato all'avvio del nuovo ciclo che dovrebbe partire proprio tra il 2020 ed il 2021... ma... alcuni non sono così fiduciosi!

A cavallo del 1900, in Gran Bretagna c'era un fisico che si interessava di macchie solari e del ciclo magnetico del sole: si chiamava Edward Walter Maunder. Ebbe la fortuna di vivere proprio nel periodo in cui si sviluppavano gli usi della frequenza come sistema di trasmissione.

Maunder analizzò i dati a sua disposizione del passato, osservò l'evolversi di quelli del suo tempo e fu incuriosito da un periodo in particolare: quello che andava dal 1645 al 1715.

Questo periodo "barocco" coincise, oltre che con lo stile che caratterizza la nostra città, con un periodo divenuto noto come "piccola era glaciale", con freddo intenso dovuto proprio ad una scarsissima attività del sole.

La scarsa attività solare coincise, secondo gli studi di Maunder, con un numero di macchie solari pari a zero: ovviamente non si può assolutamente sapere cosa succedeva alle frequenze radio in quel periodo a cavallo dei secoli barocchi (la radio ancora non c'era), ma sappiamo che se si è verificato allora e prima di allora (si verificò anche, infatti, tra il 1400 ed il 1510), probabilmente potrebbe farlo anche adesso. Ecco perché, alcuni scienziati, prevedono che, anziché risalire, il numero delle macchie continuerà a mantenersi su livelli estremamente bassi, dando luogo ad un nuovo "Minimo di Maunder" nel ventunesimo secolo...

Non so se questa notizia porterà ad una riduzione dei prezzi delle radio sul mercato dell'usato, dovuto ad una vendita repentina di apparati radio dopo queste mie affermazioni... so per certo, però, che i collegamenti, anche in assenza di macchie solari, si possono sempre fare, seppur con segnali bassi.

Inoltre, la pletora di stazioni chiamanti intorno ad una dxpedition importante, attirate dal dxcluster come mosche al miele, mi lascia sperare che le possibilità di DX non mancheranno e, con esse, non mancherà neanche il divertimento.

Quindi, buona radio a tutti!


 

Partner

Archivio Articoli

Link Soci e Amici

Link Negozi

CW Software

QRP stuff

LOGIN

Chi è OnLine

Abbiamo 334 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti Registrati

  • Iz7wem
  • IW7DAX
  • 9A6CC
  • IZ7103SWL
  • IK7YZI
  • IU7IHG
  • IZ7VLL
  • IU7IQS

eQSL.cc


Check your eQSL


Created by PA4RM

Radio Propagations


Solar X-rays:
Status
Geomagnetic field:
Status
Created by PA4RM